Il cefalo dalle uova d’oro

Conosciuto anche come muggine, il cefalo è comune nelle acque del Mar Mediterraneo. È un pesce dal costo contenuto e adatto a molte semplici ricette in cucina; dalle sue uova si ottiene la bottarga, anch’essa molto apprezzata in cucina. Il suo corpo e allungato e la testa è larga e piatta. Bianco sul ventre e grigio piombo sul dorso può raggiungere una lunghezza massima di 80 cm e un peso di 4,5 chilogrammi.

Il suo habitat ideale è nelle acque delle zone temperate e tropicali, dalle zone occidentali dell’Atlantico, al Messico e al Brasile fino al Mar Nero. Trascorre la sua la vita in acqua salata e sceglie le acque dolci per riprodursi, è facile infatti avvistarlo in prossimità degli estuari dei fiumi o nei pressi delle dighe. Grandi branchi di adulti si formano durante la stagione della riproduzione, da febbraio ad aprile, per migrare poi in direzione del mare aperto. Una volta che le uova si sono aperte, le larve raggiungono il basso fondale, presso zone costiere che stanno in posizione riparata, per procurarsi cibo e proteggersi dall’assalto dei pesci predatori. Cominciano ad avventurarsi in acque di maggiore profondità quando hanno raggiunto i 5 centimetri.

Il cefalo è un pesce dalle carni gustose, ben digeribili e oltretutto abbastanza economico. Contiene una buona quantità di Omega 3, ma anche di sali minerali come fosforo, magnesio, calcio; 100 grammi di alimento forniscono 127 calorie. Nelle cucine dei Ristoranti Vivo lo potete trovare spesso cucinato al forno, in padella con verdure oppure in insalata. Qui in foto una versione croccante con patate, pomodorini e olive taggiasche oppure è ideale cucinato in crosta di nocciola con patata mantecata e pomodorino confit come consiglia Chef Annamaria Visconte di Vivo Firenze. Per cucinare un secondo leggero, vi consigliamo ingredienti semplici come pomodorini, prezzemolo ed aglio che mantengono inalterato il suo gusto e la sua freschezza. Salando ed essiccando i suoi ovari si ottiene la pregiata bottarga conosciuta e molto usata sopratutto in Sardegna.

Lascia un commento